FAB S.M.S.

La nostra Società di Mutuo Soccorso, senza scopo di lucro,
consente di costruire
Programmi Benessere su misura per te e per la tua famiglia.


Basandoci sui principi di solidarietà, sussidiarietà e mutualità sociale promuoviamo la Salute e il Benessere dei nostri Soci, accompagnandoli passo dopo passo in questo percorso.

Offriamo rimborsi e sussidi per le spese sanitarie sostenute per attività di prevenzione, in caso di malattia o di infortunio: mettiamo a disposizione strutture mediche di eccellenza, presso le quali è possibile evitare lunghe liste di attesa e usufruire di servizi di elevata qualità. Vantiamo la presenza di una Centrale Salute, di un Comitato Tecnico-Scientifico e di uno staff medico.

Fab S.M.S. è un ente non profit e questo significa, tra le altre cose, che i nostri eventuali utili di gestione vengono reinvestiti per garantire ai nostri Soci prestazioni sempre migliori.

medico sanità integrativa

GENESI DEL WELFARE STATE ITALIANO

 

timeline

Fase di gestazione di Sanità e Welfare

  • Povertà, carenza igienica, malattie infettive
  • Beneficienza e attività caritatevoli come unica protezione sociale
  • Essenziale il ruolo di enti morali e opere pie, soprattutto religiose
  • Nascono le Mutue volontarie, pilastro dell’accesso e del finanziamento della Sanità che vengono anche riconosciute dalla Legge
  • Comincia a strutturarsi l’offerta di Sanità con medici e Ospedali

Nascita del Welfare Statuale categoriale

  • Centralismo fascista, nasce la Cassa Mutua Nazionale
  • Nasce l’Assicurazione sanitaria obbligatoria per i lavoratori, con il contributo dei datori di lavoro
  • Decolla il numero di assistiti delle Mutue

Continuità e potenziamento del Welfare categoriale, autonomia istituzionale

  • Nasce il Ministero della Sanità che concentra le competenze disperse
  • Le Mutue ampliano la loro azione fino a coprire dai 16.5 milioni di cittadini del 1951 agli oltre 49 milioni del 1971
  • Si impenna la Spesa Sanitaria
  • Si forma consenso sociale, sindacale e politico per la creazione del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) gratuito per tutti: istituito con la Legge 883/1978.
  • Nasce l’Assicurazione sanitaria

Fasi alterne della Sanità universalistica: ricerca di nuovi equilibri tra domanda di Salute e risorse pubbliche 

  • Si definiscono gli assetti istituzionali, organizzativi e operativi della Sanità universalistica
  • Si applica la copertura sanitaria pubblica a tutti i cittadini senza discriminazione alcuna
  • Si evolve la cultura della Salute, verso il benessere psico-fisico
  • Partono regionalizzazione e aziendalizzazione delle Unità Sanitarie Locali (USL)
  • Continuano a operare le Mutue su base volontaria

Come Funziona il ssn

Si parla in tutta Europa di accesso universale alle cure mediche di base per tutti. L’Italia, però, si classifica nelle ultime posizioni per la spesa sanitaria, sia come percentuale di spesa sanitaria sul PIL che come spesa sanitaria pro-capite.


Queste contrazioni della spesa sanitaria rendono necessaria la definizione di fonti alternative per il sostentamento della sanità pubblica e per garantire alle fasce di popolazione più svantaggiate l’accesso gratuito ai servizi essenziali – il cosiddetto Livello Essenziale di Assistenza (LEA), che è garantito attraverso il finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale.

Il finanziamento del Sistema Sanitario Nazionale si basa su finanziamenti provenienti principalmente da tre fonti:

  • Bilancio statale (attraverso il Fondo per il Fabbisogno Sanitario, istituito con il DL 56/2000)
  • Fiscalità delle Regioni, ossia IRPEF ed IRAP (le regioni a statuto speciale hanno regole autonome)
  • Entrate proprie delle Aziende Sanitarie, come ticket e quote di compartecipazione per i medici che operano privatamente negli ospedali pubblici

Il Livello Essenziale di Assistenza (LEA).
Rientrano nel Livello Essenziale di Assistenza:

  • Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro
  • Assistenza distrettuale (medicina di base e di emergenza)
  • Assistenza farmaceutica
  • Assistenza integrativa e specialistica ambulatoriale

Questo livello di assistenza basilare varia nella sua qualità da Regione a Regione e il suo costo è a carico del Servizio Sanitario Nazionale, al massimo è necessario pagare un ticket per il servizio. Ovviamente, l’enorme mole di richieste di accesso al Servizio Sanitario fa si che, in quelle Regioni il cui gettito fiscale non sia sufficiente, la qualità del servizio sanitario non sia all’altezza delle aspettative del cittadino.

Siamo una realtà di spicco che si distingue per i servizi innovativi e per i percorsi di educazione sanitaria che offre ai propri Soci

Siamo i primi in Italia ad avere un Camper della Salute che eroga prestazioni gratuite di prevenzione

Siamo stati citati, nel corso della nostra storia, quale “esempio virtuoso” nell’ambito della sanità integrativa italiana ed europea in numerose occasioni, come nel 2016 a Bruxelles presso la sede del Parlamento Europeo

Siamo orgogliosi dei risultati del nostro più recente sondaggio secondo il quale oltre il 90% dei nostri soci consiglierebbe FAB S.M.S. a un proprio caro

Siamo un ente no profit, offrendo quindi benefici quali tariffe agevolate indistinte al variare dell’età e del Socio

Mission e Valori


Fab S.M.S., in linea con lo spirito che ha portato alla nascita, nell’Ottocento, delle Società di Mutuo Soccorso, ha per scopo la solidarietà in tutte le sue forme e modalità, nel rispetto dei principi della mutualità, dello sviluppo della personalità umana e della tutela Sociale per i diritti e per l’organizzazione dell’auto-aiuto tra i cittadini

Fab S.M.S. persegue finalità di interesse generale e opera ispirandosi al principio costituzionale della sussidiarietà, svolgendo per i propri Soci e per i loro familiari attività di natura socio sanitaria, assistenziale e di prevenzione

Fab S.M.S. eroga prestazioni e servizi in ambito socio-sanitario, occupandosi dei propri Soci in caso di infortunio, malattia, invalidità dal lavoro e inabilità temporanea o permanente, sostenendoli con sussidi in caso di spese sanitarie per la diagnosi e la cura di malattie e infortuni

Fab S.M.S. fornisce ai propri Soci servizi nell’ambito assistenziale, erogando contributi economici e di assistenza a coloro che si trovino in condizioni di gravissimo disagio economico a causa dell’improvvisa perdita di fonti di reddito personali o familiari e in assenza di un sostegno pubblico, ma anche ai familiari dei Soci deceduti

Fab S.M.S. offre ai propri Soci percorsi mirati alla promozione del Benessere con azioni di prevenzione ed educazione sanitaria: dalla nutrizione a promozione di stili di vita attivi e visite ed accertamenti di medicina preventiva

Fab S.M.S. si occupa direttamente, attraverso il suo personale, della “presa in carico” di tutte le prestazioni offerte nei suoi piani mutualistici

Fab S.M.S. promuove e sostiene attività di carattere educativo, culturale e di ricerca volte alla prevenzione sanitaria e alla diffusione dei valori mutualistici, oltre ad iniziative di carattere sociale a beneficio dell’intera collettività

Fab S.M.S. non prevede limiti di accesso alla Società, neppure in presenza di patologie congenite o pregresse o in caso di persone con disabilità: questo significa che la nostra famiglia è aperta a tutti senza alcuna distinzione

fondo sanità integrativa

Vuoi scoprire come entrare a farne parte?

Richiedici maggiori informazioni


 

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Informativa per il consenso al trattamento dei dati personali

Il sottoscritto accetta le condizioni dell'informativa ai sensi della legge n. 196/2003 sulla tutela dei dati personali: I dati inseriti sono gestiti elettronicamente e custoditi con i più corretti criteri di riservatezza, nel rispetto delle norme del D.Lgs 196/2003 sulla tutela dei dati personali.

Presto il consenso

assicurazione di sanità integrativa

LEGISLAZIONE DELL’ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA

La normativa che regolamenta la sanità in Italia non ha un proprio Testo unico, ma è costituita da una serie di leggi, decreti legislativi, decreti ministeriali, ecc. che a volte rendono arduo districarsi nelle successive modifiche.
La disciplina dei fondi integrativi prende le mosse dal decreto legislativo 421 del 1992, che prevede il “riordino della disciplina in materia sanitaria”. Sono gli anni della crisi del Welfare State e si cercava di delineare dei percorsi alternativi e complementari.
Come accade nella previdenza integrativa, si individuarono tre pilastri per delineare un possibile futuro per la della sanità del nostro paese: